Facebook, nel 2098 sarà il più grande cimitero del mondo

A dirlo è un esperto di statistica dell'università del Massachusetts

0
846
Facebook
Facebook

Sarà una data epocale. Il 2098 Facebook diventerà infatti il più grande cimitero (virtuale) al nondo.

IL CIMITERO DI FACEBOOK

A dirlo è un esperto di statistica dell’università del Massachusetts: sarà questo, infatti, l’anno in cui il più famoso social network si trasformerà in un vero e proprio “camposanto”, perché il numero degli utenti deceduti supererà quello dei vivi.

I NUMERI

Il dottorando in Statistica Hachem Sadikki ha elaborato la sua teoria sulla base di due dati: da una parte, la scelta del social network di continuare a rifiutarsi di eliminare in modo automatico gli account degli utenti che nel frattempo sono deceduti; dall’altra, il dato secondo cui la crescita degli iscritti a Facebook inizierà presto a rallentare.
Secondo ‘Digital Beyond’ – società che si occupa di ‘eredità digitale’ – sono 970mila gli utenti di Facebook che moriranno quest’anno. Nel 2010 sono stati quasi 386mila mentre nel 2012 erano 580mila.

Facebook è disponibile in oltre 70 lingue e al 31 dicembre 2015 contava circa 1,59 miliardi di utenti attivi mensilmente (1,44 dei quali da dispositivo mobile) e 1,04 miliardi giornalmente (dati 4° quadrimestre), classificandosi come primo servizio di rete sociale per numero di utenti attivi.
Il nome “Facebook” prende spunto da un elenco con nome e fotografia degli studenti, che alcune università statunitensi distribuiscono all’inizio dell’anno accademico per aiutare gli iscritti a socializzare tra loro.

PRINCIPALI FUNZIONI DI FB

Gli utenti possono fondare e unirsi a gruppi per condividere interessi in comune con altri utenti, organizzati secondo il luogo di lavoro, la scuola, l’università o altre caratteristiche, condividere contenuti multimediali ed utilizzare varie applicazioni presenti sul sito. Gli utenti possono lamentarsi e bloccare le persone sgradevoli. Per personalizzare il proprio profilo l’utente può caricare una foto, chiamata immagine del profilo, con la quale può rendersi riconoscibile. Può inoltre fornire ulteriori informazioni, come il comune di nascita e quello di residenza, la scuola frequentata, il proprio datore di lavoro, l’orientamento religioso e quello politico, la propria situazione sentimentale e molte altre.

Leggi anche: Canone Rai in bolletta? Ecco le città dove non sarà addebitato