Matteo Salvini: “La lega è cresciuta più di tutti, anche dei 5 stelle che sono primi”

0
216
Matteo Salvini (Foto Dire)

E’ “una vittoria straordinaria che ci carica di orgoglio, gioia, serenità. Milioni di italiani ci hanno chiesto di prendere per mano il paese, liberarlo da precarietà e insicurezza decisi da Renzi e Bruxelles. Qualcuno ha fatto una campagna elettorale parlando di improbabili passati” ma questo è “un voto di futuro. Gli italiani hanno premiato il futuro”. Così Matteo Salvini, leader della Lega, nel corso di una conferenza stampa da Milano.

MATTEO SALVINI E IL FUTURO

“Lo vedo come un voto di futuro”, dice il leader della Lega, Matteo Salvini, osservando che “c’è chi ha fatto una campagna elettorale parlando di fantasmi del passato. La lega è il movimento politico che è cresciuto più di tutti, anche dei 5 stelle che sono i primi, quindi complimenti”.

“Voglio mantenere l’impegno preso con 60 milioni di italiani che riguarda la coalizione di centrodestra con cui abbiamo il diritto e il dovere di governare nei prossimi anni” aggiunge il leader della Lega.

LA PAROLA DATA

“Ho letto analisi bizzarre su coalizioni strane – dice ancora Salvini -, io mantengo la parola e non cambio idea ogni quarto d’ora a differenza di altri, la squadra su cui lavorare e ragionare è il centrodestra”.

“Sono e resto orgogliosamente populista, i radical chic che schifano gli operai e non fanno la spesa gli italiani non li vogliono più” sottolinea ancora.

EUROPA E GOVERNO

E poi: “Leggo che a Bruxelles sono preoccupati, sbagliano”. “La squadra a cui mancano meno numeri per avere la maggioranza è quella del centrodestra. A seggi chiusi lavoreremo perchè la squadra più vicina arrivi a essere maggioranza”.

Concludendo: “Sarà mio, non diritto, ma dovere incontrare e ascoltare tutti. Escludo governi di scopo, a tempo, istituzionali. O possiamo portare avanti il nostro programma o a governi minestrone non partecipiamo. Ascoltare la validità di alcune proposte è un dovere, ma la squadra è quella con cui ci siamo presentati, non vogliamo cambiarla in corso”.

Fonte Dire