Roma Multiservizi, le lettere di licenziamento per 30 lavoratori messi in mobilità nei mesi scorsi

Ci sarebbe dovuto essere un incontro il 21 marzo per cercare un accordo in extremis, prima di quest data "non sarebbe dovuta partire alcuna lettera"

0
323

I vertici della Roma Multiservizi, partecipata di secondo livello di Roma Capitale, stanno consegnando a mano stamattina le lettere di licenziamento ai 30 lavoratori che erano stati messi in mobilità negli scorsi mesi. Le lettere, conseguenza del verbale di mancato accordo con cui si è conclusa la procedura di licenziamento collettivo avviata il 26 settembre 2017, hanno effetto immediato. 

Nell’ultimo incontro in Campidoglio con l’assessore alle Partecipate, Alessandro Gennaro, i lavoratori a rischio, spiegano gli stessi, avevano ricevuto rassicurazioni su un “prossimo incontro il 21 marzo per cercare un accordo in extremis” per evitare i licenziamenti: prima di quella data, era stata la promessa, “non sarebbe dovuta partire alcuna lettera”. 

Scrive su Twitter il consigliere capitolino del Pd, Orlando Corsetti: «Multiservizi oggi consegna le lettere di licenziamento e manda a spasso 30 dipendenti. La Raggi sa solo promettere il sole quando piove e la pioggia quando c’è il sole. Questo ha fatto con i dipendenti della Multiservizi, solo belle parole e cattivi fatti».

Cinquequotidiano

È SUCCESSO OGGI...