Sulla nuvola incompiuta Codacons chiede lumi a Corte conti

Il Codacons ha chiesto a Corte dei conti e Procura della Repubblica di Roma di aprire una indagine sulla costosa opera

0
355

Il Codacons si è rivolto alla Corte dei conti e alla Procura della Repubblica di Roma chiedendo di aprire una indagine sulla realizzazione della Nuvola di Fuksas all’Eur. Le telecamere di Codacons tv, il canale televisivo dell’associazione – si legge in una nota dell’associazione – hanno ricostruito infatti la storia della Nuvola, il Nuovo centro congressi in costruzione (dal lontano 2007) a Roma nello storico quartiere Eur: una cronaca grottesca e incredibile, tutta italiana, fatta di ritardi spropositati, varianti impreviste, inspiegabili rincari, appalti reiterati ed errori marchiani.

ULTIMA CHIAMATA – L’ultima data per la consegna è fissata per la fine del 2015, in tempo per l’Expo di Milano. Lo stesso Fuksas, però, ne dubita. E, come se non bastasse, nessuno pare intenzionato ad acquistare la Lama, il lussuoso hotel 4 stelle luxury che fiancheggia la Teca ma affaccia su un panorama di macerie degne di Beirut. Così – continua il Codacons – mentre anche l’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici ha bocciato l’opera, il Codacons ha richiesto alla Corte dei Conti e alla Procura della Repubblica di predisporre tutti gli accertamenti del caso e fare chiarezza su ciò che è avvenuto in relazione all’opera.

LE RICHIESTE – In particolare l’associazione ha chiesto di verificare se siano ravvisabili in merito alla realizzazione della Nuvola fattispecie penalmente rilevanti a carico di soggetti, privati o istituzionali, e dei soggetti addetti all’attività di controllo e sicurezza, e di accertare eventuali sprechi di soldi pubblici a danno della collettività, individuandone i responsabili.

[form_mailup5q]

È SUCCESSO OGGI...