Tensioni nei ranghi del Civitavecchia Calcio

0
979

“Il comportamento dei dirigenti del Civitavecchia Calcio 1920 è stato inammissibile. Tuteleremo in ogni sede i diritti di Leonardo Gabrieli che è stato spedito in tribuna ancora prima che iniziasse il campionato di Eccellenza.” A tuonare è il procuratore Alessio Sundas, responsabile dell’agenzia Sport Man, che annuncia battaglia contro il club nerazzurro per tutelare i diritti del giocatore che, dopo essere stato fortemente voluto a Civitavecchia, è stato poi escluso dalla rosa dei titolari. “La Sport Man- prosegue il manager Sundas – andrà fino in fondo a questa brutta storia. Leonardo Gabrieli, è un difensore centrale di grande esperienza nonostante abbia appena 26 anni, ha giocato nel campionato nazionale di Malta ed è stato sin da giovanissimo uno dei pilastri di squadre come Alghero, Montichiari, Gaeta, Montevarchi, Lanciano, Viareggio, Colligiana e Sangiovannese. La Sport Man lo scorso agosto ha accettato le proposte del Civitavecchia Calcio, nonostante il giocatore fosse cercato da altri importanti club, perché ritenevamo che fosse una piazza ambiziosa, desiderosa di risalire nei campionati più importanti. Purtroppo sono accaduti meccanismi strani, sono stati ingaggiati altri atleti, Leonardo Gabrieli è stato messo alla porta senza motivo ancora prima dell’avvio della stagione. Non accettiamo questo atteggiamento, presto saremo a bussare alla porta dei dirigenti nerazzurri per chiedere spiegazioni che siano convincenti. Dovranno anche spiegare ai tifosi perché prima tesserano un calciatore apprezzato anche a livello internazionale e poi lo mandano via. Abbiamo già avviato le procedure per la richiesta di intervento dei competenti organi di tutela della categoria”. Immediata la replica della società nerazzurra, affidata al direttore sportivo Sandro Fabietti: “Il Civitavecchia Calcio non c’entra nulla con questa storia. Gabrieli è finito in tribuna per una scelta legittima del tecnico, che noi non discutiamo. Come non discutiamo le questioni che riguardano giocatore e procuratore. Quale contratto intercorra tra loro non lo so, l’unica certezza è che non dobbiamo niente a nessuno”. Fabietti fornisce anche qualche dettaglio: “Il difensore è arrivato in nerazzurro con Fazzini poi il cambio di allenatore ha cambiato gli equilibri. Anzi, prima il martedì e poi il giovedì antecedente alla chiusura delle liste gli ho proposto lo svincolo ma Gabrieli ha preferito rimanere”.

A.S.

È SUCCESSO OGGI...