Ss Lazio, da carestia ad abbondanza: Inzaghi si sfrega le mani

Nani protagonista, Basta, Wallace e Felipe Anderson vicino al rientro offrono diverse soluzioni al mister piacentino. L’infermeria dei biancocelesti si svuota e così si può sognare sempre più in grande

0
517
I giocatori della Lazio festeggiano la vittoria (Foto Paolo Pizzi)
I giocatori della Lazio festeggiano la vittoria (Foto Paolo Pizzi)

Il calcio è uno sport davvero strano. Il 20 settembre la Lazio usciva sconfitta da un match incredibile contro il Napoli in cui perdeva 4 giocatori per infortuni che si andavano ad aggiungere a una situazione già precaria. Inzaghi si è trovato così a inventare spesso adattando alcuni giocatori in ruoli non loro. Patric è diventato difensore centrale, mentre Murgia esterno destro a tutta fascia. Esperimenti che non hanno inciso su una squadra che viaggia a un ritmo stratosferico.

Ventotto punti in classifica, otto successi consecutivi tra campionato ed Europa League e altrettanti in trasferta. Numeri impressionanti per i capitolini che iniziano a credere di poter essere davvero protagonisti. Il sogno resta conquistare uno dei primi quattro posti che proietterebbe Lulic e compagni direttamente alla fase a gironi della prossima Champions League, ma il Napoli dista appena tre punti e sognare qualcosa in più non è così irreale. Inzaghi avrà un alleato in più: l’abbondanza.


QUANTE SCELTE PER SIMONE
 – Sembra paradossale dirlo, ma il mister piacentino si trova con l’imbarazzo della scelta. All’undici base, infatti, si aggiungono Lukaku, Murgia e Caicedo, i tre che sono subentrati più volte in questo avvio di campionato e non solo. Luis Nani ieri ha incantato sul campo del Benevento. Venti minuti in cui ha mostrato a tutti il suo talento e la sua personalità. Già contro Juventus e Bologna aveva impressionato per la sua umiltà e per la sua voglia di fare, ma al Vigorito è andato oltre.

Prima un assist al bacio che Parolo ha trasformato in gol e poi la prima soddisfazione personale con l’aquila sul petto. Una finta e un tiro che non ha lasciato scampo a Brignoli. Il portoghese ha dimostrati di aver completamente smaltito il problema al ginocchio accusato con il Valencia e di voler essere una risorsa preziosa per la Lazio. Non è finita qui perché presto, probabilmente dopo la sosta, torneranno a disposizione anche Basta, Wallace e Felipe Anderson. Il serbo e i due brasiliani aiuteranno tanto i compagni nelle rotazioni e permetteranno a qualcuno di poter tirare il fiato e ricaricare le pile.

La stagione è davvero lunga e tutti avranno le loro occasioni. Lo ha ripetuto più volte il mister, spetta poi ai giocatori approfittarne e conquistarsi maggiore spazio. I tifosi intanto continuano a sognare e aumentano gli attestati di stima nei confronti dei biancocelesti. Inzaghi invita tutti alla calma e di pensare una partita alla volta. Giovedì c’è il Nizza e poi la sfida con l’Udinese prima della sosta per le Nazionali. La Lazio è in ballo e deve continuare a ballare, anche perché la posta in palio è altissima e la concorrenza feroce. Non sono consentiti errori.

Antoniomaria Pietoso

È SUCCESSO OGGI...