Vendemmia, Coldiretti Lazio: «Produzione in aumento nella regione, buona la qualità»

0
149

Sono buone le prime stime a livello nazionale sulla vendemmia 2018 diffuse oggi dalla Coldiretti. Positivo l’andamento qualitativo e quantitativo anche nel Lazio che, secondo le previsioni, dovrebbe far registrare una crescita tra il 15% e il 25% della produzione rispetto al 2017, stagione molto negativa a causa della siccità. Buono anche il livello qualitativo grazie al grande lavoro dei viticoltori. Nonostante le condizioni meteorologiche non particolarmente favorevoli, attualmente non si riscontrano criticità in riferimento allo stato fitosanitario dei vigneti, determinanti però saranno le condizioni climatiche delle prossime settimane, fondamentali per la maturazione dell’uva. “Si tratta di un settore sempre più trainante per l’economia locale e in costante crescita – spiega David Granieri, presidente Coldiretti Lazio – E’ in un atto un’importante inversione di tendenza con tante aziende medio-piccole che stanno puntando sulla qualità e sulla distintività. Questa è la vera sfida per il futuro dei vini laziali. Ora è necessario uno sforzo da parte delle istituzioni per promuovere e valorizzare questi prodotti anche attraverso campagne di comunicazione mirate verso il consumatore”.
Nel Lazio la superficie vitata è di oltre 22mila ettari, con la presenza sul territorio di circa 18mila aziende e un valore di produzione che si aggira intorno ai 115 milioni di euro. Tre sono le DOCG (Cesanese del Piglio, Frascati superiore e Cannellino di Frascati), oltre a 29 DOC e 6 IGT.