E se Giletti lasciasse la Rai?

0
700
Massimo Giletti
Rai, Massimo Giletti: ecco l'erede di Vespa

Succede. A volte la sera a cena mangi i peperoni e la notte hai gli incubi. Sogni di schiacciare il pulsante 1 sul telecomando, dopo il pranzo della domenica, quando sei pronto per girare il cucchiaino nel caffè, e lui non c’è. Più. Al suo posto uno di questi col capello nero corvino e l’occhiolino facile, magari la camicia un po’ aperta sul petto, il pantalone aderente. E’ lunedì mattina e ti svegli sudato, aspettando trepidante che escano gli ascolti e il solito 22% della fascia pomeridiana assicurato da Massimo Giletti e la sua Arena.

SCENARIO POSSIBILE Una simile scena da oggi potrebbe invece essere plausibile. I rumors danno per certo il malumore di Giletti, che potrebbe compiere il gesto fatale e lasciare mamma Rai. Tradimento! è il grido unanime che si alza dalle folle. Giuda! È l’espressione di un sentimento corale. Ma prima di puntare il dito, ragioniamo. Il bel Massimo dalla chioma marmorizzata, il torinese ben trapiantato a Roma, è un giornalista di lungo corso ormai. Passa indifferentemente dal reportage in Siria alle chiacchiere con la Ferilli; ha fatto risorgere il talk show – anche politico, anche di denuncia – in un orario più adatto alla pennica, che alla polemica. Ma è anche il traghettatore degli ascolti …verso il vuoto. Lui li tira su e Perego-Sottile li buttano giù. Cui prodest l’impennata dello share se poi nessuno la mette a frutto? Giletti lamenta scarsa fiducia dell’azienda nei suoi confronti. Lui ci ha provato a fare la newsroom aziendale, anche recentemente in puntata, ambisce forse alla direzione editoriale. Certamente la cifra stilistica della passata gestione, ovvero RaiUno secondo Giancarlo Leone, non è stata la meritocrazia. I conduttori ballano allegramente incuranti degli ascolti, anzi sgomitano per farsi largo nel daytime. Beh, se non altro nessuno più aspira al prime time, ormai blindato nell’asse Conti-Carlucci-fiction. Ma chi rende di più non viene premiato.

QUESTIONE DI GIORNI Perdere Giletti sarebbe drammatico come perdere l’amore, è una bandiera della Rai in cui è cresciuto e che ultimamente ha fatto crescere. La nostra curiosità sarà però presto soddisfatta, già nei prossimi giorni; sappiamo  che lunedì Giletti incontrerà i vertici per definire la situazione e potrebbero davvero aprirsi nuovi scenari in Viale Mazzini. Non temete, come al solito, sarete i primi a saperlo.

Angela De Vito