Roma, esplode acido nel lavandino: donna gravemente corrosa e ustionata

Le tubature sono esplose dopo che la donna ha tentato di sturare l'impianto casalingo. Tutti i dettagli

0
456

Quello che sembrava un gesto di routine è diventata la premessa di una tragedia. A Roma, nel centralissimo quartiere di Campo De Fiori una donna è rimasta gravemente ferita e ustionata su quasi il 60 per cento del corpo dall’esplosione dell’acido che aveva utilizzato nel tentativo di sturare i tubi del lavandino del suo bagno che non ricevevano più  le acque reflue.

GESTO BANALE – Così in un gesto banale ha versato un prodotto specifico, uno di quegli acidi corrosivi. Ma la reazione improvvisa è stata terribile: i tubi si sono spaccati, come riferisce il quotidiano Il Messaggero stamattina, e l’acido le è schizzato tutto addosso ustionandole numerose parti del corpo. La donna, una 30enne romana,  è stata rapidamente divorata dall’acido ritrovandosi all’improvviso con ustioni su parte del corpo. Il fumo arrivato dalle tubature appena cosparse dell’acido non ha dato tregua alla donna che all’improvviso si è ritrovata cosparsa dell’acido urticante.

SOCCORSI TARDIVI – La donna è stata soccorsa e spogliata dei vestiti ma ormai l’acido schizzato violentemente aveva raggiunto la pelle a livelli profondi e i danni erano stati fatti. Dalla strada, sentendo le urla strazianti che si sarebbero levate sono accorse alcune persone che hanno tentato di aiutare la donna. Dopo la chiamata dei soccorsi sanitari è stata condotta in codice rosso urgenza all’ospedale sant’Eugenio.

[form_mailup5q]

È SUCCESSO OGGI...