Roma, ancora una passeggera ferita su autobus Atac

La denuncia dell'Usb: inammissibile che l'azienda non garantisca sicurezza

0
742

Autobus Atac che perdono pezzi e passeggeri che rischiano la propria incolumità. A lanciare l’allarme è Fabiola Bravi dell’Unione Sindacale di Base che riporta l’ennesimo “preoccupante episodio che oggi ha visto coinvolta una passeggera sulla linea 82 dell’Atac”. “Mentre la vettura era in marcia – ha denunciato la sindacalista – una borchia copri-mancorrente ha ceduto, andando a colpire sul capo una passeggera che è stata prelevata dall’ambulanza per le necessarie cure”.

FERITI SUGLI AUTOBUS: I PREOCCUPANTI PRECEDENTI

Non è la prima volta, purtroppo, che si verificano incidenti a bordo di autobus Atac. Mercoledì 10 febbraio, a Ostia, era rimasto ferito un 30enne a bordo dell’autobus 61; il giovane, alla partenza del mezzo, era stato infatti colpito in pieno alla testa da un pannello staccatosi dal bus. Nella mattinata di venerdì 4 marzo, invece, a fare le spese della fatiscenza del mezzo in questione era stata una donna a bordo della linea 30 “express”. La passeggera era stata colpita al capo da un portellone staccatosi dalla vettura. Immediatamente soccorsa dal personal, era poi stata portata via in ambulanza.

LO SCIOPERO DELL’USB

“Sul tema della sicurezza – ha commentato Fabiola Bravi – l’Usb si è più volte battuta per imporre all’azienda maggiori controlli alle vetture, nonché interventi più accurati per garantirne l’efficienza. Visti i continui episodi che vedono messa a rischio l’incolumità degli autisti e degli utenti, ci siamo visti vista costretti ad aprire le procedure di sciopero. È inammissibile che mentre Atac continua a pretendere dai lavoratori maggiore produttività per rendere più competitiva sul mercato l’azienda, come riportato nell’ultimo accordo aziendale Era1- Era2, non si preoccupi di mettere in sicurezza gli operatori di guida e l’utenza. L’Usb continuerà a vigilare affinché non si baratti la pelle di lavoratori ed utenti con il profitto”, ha concluso la sindacalista.

LA REPLICA DI ATAC

In merito al “guasto a bordo di un bus della linea 82 che ha provocato la contusione di una passeggera” l’Atac ha voluto precisare che “non è da mettersi in relazione con altri due casi verificatisi nelle scorse settimane, diversi sia per tipo di vetture coinvolte che per tipologia di guasto. In precedenza, infatti, vicende simili erano accadute a bordo di due bus della nuova Serie Roma che hanno condotto alla completa revisione di tutte le vetture del parco, svolta a spese del fornitore e nell’arco di 48 ore. Il guasto riguardava un pannello situato sopra la porta dei mezzi. La vettura dove oggi si è verificato il guasto è invece un mezzo della serie Cursor dove si è staccata la copertura di un mancorrente, da ascrivere sostanzialmente alle sollecitazioni della strada”. “Atac, scusandosi per il disagio subito – ha concluso -, assicura che sta comunque svolgendo serrati controlli di qualità su tutto il parco dei mezzi di superficie perché fatti come quello di oggi non abbiano più a ripetersi”.

 

È SUCCESSO OGGI...