Una lite tra paninari abusivi degenera: coltellate tra rivali in affari

Uno dei due uomini ha riportato diverse ferite ed è stato ricoverato in ospedale

0
598
Foto archivio

Si erano appena messi al lavoro nel piazzale del terminal dei bus “Anagnina”, dove solitamente vendono panini a loro connazionali che stazionano in attesa della partenza dei corrieri privati. Probabilmente la contesa del posto, ha dato vita, dapprima ad un’accesa discussione, poi a una violenta zuffa nel corso della quale è spuntato un coltello.

Ad evitare il peggio sono stati i carabinieri della Stazione Roma Appia con la collaborazione dei militari dell’Esercito Italiano impiegati nell’Operazione Strade Sicure a guida Brigata Granatieri di Sardegna, che hanno arrestato l’assalitore, un cittadino romeno di 57 anni con precedenti.

L’uomo ha intimato al suo antagonista – un connazionale di 48 anni – di allontanarsi dal “suo” posto, ma, ottenuto un diniego, ha pensato bene di avventarsi contro di lui impugnando un coltello con il quale ha tentato più volte di andare a segno sul corpo.

La scena è stata notata dai carabinieri e dai Militari dell’Esercito Italiano in servizio nel terminal che sono immediatamente intervenuti evitando conseguenze peggiori per la vittima, che ha riportato diverse profonde ferite “da difesa” alle mani.

L’aggressore, disarmato e ammanettato, è stato portato nel carcere di Regina Coeli dove rimarrà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di fronte alla quale dovrà rispondere di tentato omicidio.

Il connazionale 48enne, invece, è stato trasportato inizialmente al Policlinico Tor Vergata, poi, per la particolarità delle lesioni riportate, al C.T.O. Andrea Alesini dove è tuttora ricoverato a seguito di una serie di operazioni cui è stato sottoposto per riparare la subamputazione e una parziale amputazione delle falangi distali dell’anulare e del mignolo della mano sinistra.

È SUCCESSO OGGI...