Terni, il paracadutista morto aveva fatto mille lanci

L'uomo, 42 anni, faceva parte di un gruppo di lanciatori ma si sarebbe buttato da solo. Ancora poco chiara la dinamica

0
392

Una morte improvvisa, inaspettata e ancora senza spiegazioni quella di un 42enne di origini romane che questa mattina si era lanciato dalla aviosuperificie di Terni per un lancio con il paracadute. La sua morte è stata inaspettata come quella di Pietro Taricone, l’attore scomparso per un incidente simile cinque anni fa.  L’uomo era solito lanciarsi con il paracadute insieme a una squadra di altre persone, e a quanto si apprende aveva fatto oltre mille lanci, ma questa volta si era buttato da solo.

Nel suo caso non si sa ancora quali siano le cause del decesso, mentre per l’attore e protagonista del “Grande Fratello” le indagini furono subito archiviate individuando in un errore umano la causa del fatto.

Per ora dunque ancora incerte le cause: il corpo dell’uomo è stato ritrovato a circa un chilometro di distanza dall’aviosuperficie nei pressi di un casolare. Ora tutte le indagini e gli accertamenti medici potranno far luce sulla tragica fine di un uomo.

[form_mailup5q]

È SUCCESSO OGGI...