Fiumicino, arrestato killer europeo: metteva i morti in valigia

Era ricercato in tutto il continente per un tremendo omicidio commesso nel 2012. Ora è a Regina Coeli in attesa dell'estradizione in Francia

0
319

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma hanno localizzato e sottoposto ad arresto provvisorio, ai fini della consegna (ex art. 11 legge nr. 69/2005), un cittadino italiano M.U. residente in provincia di Vercelli e domiciliato a Roma, presso un camping ubicato nelle adiacenze di Fiumicino.

Il predetto era ricercato in campo internazionale in quanto raggiunto da un mandato d’arresto europeo, emesso il 20.09.2013, dalla Corte d’Appello di Parigi, perché ritenuto responsabile dell’omicidio di un cittadino francese, commesso nell’aprile 2012 in Puerto la Cruz (Venezuela).

L’INCREDIBILE SCOPERTA – Gli esiti delle indagini svolte a seguito dell’omicidio dagli investigatori venezuelani, attivati da una denuncia di scomparsa sporta in Francia dal figlio della vittima, hanno rivelato particolari inquietanti; l’uomo, dopo essere stato ucciso, era stato tagliato a pezzi e fatto ritrovare sulla spiaggia della località venezuelana all’interno di una valigia. I militari a seguito di una attenta attività investigativa tecnica, e con servizi di osservazione e pedinamento, sono riusciti a rintracciare e arrestare il latitante. Dopo il fermo il ricercato è stato condotto presso il carcere di Regina Coeli a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa che vengano definite le pratiche per l’estradizione in Francia.

[form_mailup5q lista=”fiumicino”]

È SUCCESSO OGGI...