Nettuno, uccise bimba di 9 anni. Omicida in fuga

Diffuso l'identikit. Caccia all'uomo nel Litorale romano

0
441

Due anni fa alla guida di una Fiat Ka un ventenne romeno che, come si apprenderà successivamente dai rilievi della polizia stradale di Albano, guidava senza patente, ubriaco e dopo aver fatto uso di cocaina, con un sorpasso azzardato aveva invaso la corsia opposta centrando in pieno la Fiat Panda dove si trovavano Stella, i fratelli e la madre che guidava. La povera bambina morì in ospedale dopo un tentativo disperato di salvataggio.

LA FOTO DELL’OMICIDA – Daniel Domnar

foto-daniel-domnar-230x130

IL PROCESSO E LA FUGA – Lunedì avrebbe dovuto tenersi il processo con rito ordinario, ma l’imputato non si è presentato in aula: potrebbe essere andato a cercare rifugio nel suo Paese d’origine oppure potrebbe essersi nascosto da qualche amico nella zona di Nettuno. Sarebbe irreperibile da almeno due mesi.
L’associazione Valore Donna, che ha sempre seguito la vicenda, ha diffuso la foto dell’assassino di sua figlia, con i possibili luoghi da lui frequentati. Era ai domiciliari in via dell’Olmo 25 a Nettuno (Roma), ma pare avesse amici anche nella zona del poligono militare. “È scappato dagli arresti domiciliari dopo avere ottenuto un permesso firmato dai magistrati” – ha detto la signora Calissano. “Aiutatemi a trovarlo e se lo vedete, chiamate i carabinieri: è un evaso”.

Sul caso interverrà anche il senatore del Partito Democratico Claudio Moscardelli, primo firmatario del disegno di legge sull’omicidio stradale, redatto con la collaborazione delle associazioni impegnate sul tema nel territorio italiano, tra cui proprio Valore Donna di Latina.

[form_mailup5q lista=”nettuno”]

È SUCCESSO OGGI...