Fiumicino, passaporti falsi per Siria, Iraq e Afghanistan: 11 arresti

Una banda sottraeva al poligrafico documenti destinati alla distruzione

0
4639

La polizia di Stato di Fiumicino ha sgominato un’organizzazione criminale dedita al traffico di passaporti italiani già destinati alla distruzione e che, invece, venivano immessi sul mercato clandestino e spediti in Siria, Iraq e Afghanistan.

COINVOLTI TRE FUNZIONARI

Le indagini degli uomini della polizia di frontiera hanno portato a undici provvedimenti cautelari, emessi dall’Autorità Giudiziaria di Roma, e che hanno riguardato anche tre funzionari dell’Istituto poligrafico dello Stato e del ministero delle Finanze, accusati, a vario titolo, di aver sottratto i documenti d’identità dai magazzini della Zecca dello Stato.

L’ORGANIZZAZIONE CRIMINALE

L’organizzazione era costituita prevalentemente da algerini e marocchini con basi a Roma e Napoli e con ramificazioni a Parigi, Molenbeek ed Istanbul.

È SUCCESSO OGGI...