Trenitalia, ora il rimborso scatta dopo mezz’ora

Ecco come funziona. E l'Antitrust sanziona le Ferrovie: multe troppo onerose a chi non ha il biglietto

0
294

Finalmente rimborsi più rapidi e sicuri. Chi viaggia su un treno in ritardo di mezz’ora, dalla prossima primavera, avrà diritto ad un bonus pari al 25% del biglietto. Non si tratterà di un rimborso in denaro, ma di un credito da utilizzare nell’acquisto di altri servizi. Trenitalia aggiorna le politiche sugli indennizzi, e dimezza i tempi: prima per vedersi riconosciuto un risarcimento occorreva aspettare almeno un’ora. Limite che resta valido per chi, invece del bonus, preferisca un pagamento in contanti.

LA MULTA –  Dopo tante lamentele e proteste di consumatori, ieri, l’Antitrust ha sanzionato Trenitalia con un multa da un milione di euro «per pratica commerciale scorretta» sulle procedure applicate alle «irregolarità di viaggio», in caso di mancanza di biglietto.
Insomma, l’Autorità garante della concorrenza e del mercato avrebbe multato le ferrovie proprio per le eccessive multe da queste comminate ai viaggiatori senza biglietto. L’attuale regime di controllo dei ticket, per l’Antitrust, «mira non solo a reprimere gli abusi ma è strumentale alla rigidità del sistema tariffario», in contrasto con il Codice del Consumo.

[form_mailup5q lista=”mobilità”]

È SUCCESSO OGGI...