“Riattivati vecchi filobus di Tor Pagnotta: sicurezza a rischio”

L'allarme di Federconsumatori Lazio

0
796

«Il 506 che ieri mattina ha preso fuoco sotto il ponte della Tuscolana è la chiara espressione del tragico momento che sta attraversando Atac. Dall’inizio del 2017, infatti, è il sesto bus incendiato. Il terzo dall’inizio del mese. Situazione che non solo non sembra destinata a finire in tempi brevi, ma che è persino presa “sottogamba” dal Comune stesso.
A testimoniare la sconsideratezza nella gestione dell’emergenza che sta vivendo l’azienda c’è la decisione di rimettere in circolazione i vecchi filobus di Tor Pagnotta. Questi mezzi, infatti, sono stati dichiarati già da tempo “a rischio sicurezza” dai tecnici e dagli autisti stessi di Atac». A denunciare la situazione è la Federconsumatori Lazio che segnala come «i costi di spostamento di tali mezzi, sempre secondo i tecnici, sarebbero molto alti e persino più inquinanti dei normali autobus, vista l’assenza di gran parte della linea elettrica necessaria al funzionamento dei filobus».

Per la Federconsumatori si tratta di «una situazione insostenibile, una gestione scellerata dell’azienda, sottolineando i profili di rischio per la pubblica sicurezza. Tali appelli sono sempre caduti nel vuoto e a rimetterci, purtroppo, sono sempre i cittadini».

«Non è possibile che prendere un autobus a Roma voglia dire rischiare di rimanere a piedi e, nella peggiore delle ipotesi, essere vittime di un rogo – dichiara Rosario Trefiletti, Presidente di Federconsumatori Lazio – Riteniamo necessaria ed urgente un’azione di ammodernamento di tutti i mezzi pubblici della capitale mediante un apposito piano. Bisogna garantire la sicurezza dei cittadini».

Federconsumatori Lazio porrà come prioritaria la questione della sicurezza durante il prossimo incontro tra Atac e le Associazioni dei consumatori per la stesura della Carta di Servizio.

È SUCCESSO OGGI...