Scatta l’allarme: addetto alle pulizie a un concerto con falsi documenti

Il 23enne aveva a carico un mandato di cattura europeo

0
364
cronaca di roma torpignattara

Nell’ambito del rafforzamento dei controlli che hanno interessato, tra l’altro, anche i luoghi di aggregazione giovanile e quelli in cui vengono svolte competizioni sportive, gli agenti della polizia di Stato del Commissariato Esposizione, ieri, hanno arrestato un 23enne rumeno.

LAVORO – Il giovane stava lavorando come addetto alle pulizie durante un concerto. Le preventive attività d’indagine effettuate dagli investigatori avevano portato a sospettare di un addetto alle pulizie.

CONTROLLI – Proprio durante l’evento di ieri, controllando i documenti dei lavoratori presenti, gli agenti hanno bloccato il 23enne, nonostante lo stesso avesse fornito un documento – apparentemente valido – con un nominativo diverso dalle risultanze investigative.

Approfondendo gli accertamenti negli uffici di Polizia è emerso che la carta d’identità emessa dalle autorità rumene fornita dal giovane era falsa; il suo vero nome infatti era un altro, a carico del quale c’era un mandato di cattura europeo con un pena di 2 anni e 4 mesi da scontare a seguito di una condanna per furto aggravato e violazione di domicilio. Oltre ad essere arrestato perché ricercato, è stato anche denunciato false attestazioni sulle proprie generalità.

[form_mailup5q] newsletter generale

È SUCCESSO OGGI...