Roma, tentano di sequestrare imprenditore: volevano estorcergli 200mila euro

Tre persone nei guai: nel mirino un titolare di un'azienda fallita

0
297
santa marinella

Attimi di panico per un imprenditore edile romano, l’altra sera, in via Ardeatina, dove tre individui lo hanno minacciato, strattonato, nel tentativo di farlo salire a bordo della loro auto con la forza, vantando un credito di 200.000 euro, quale corrispettivo di asseriti debiti contratti dall’azienda del malcapitato, recentemente dichiarata fallita.

L’INTERVENTO DEI CARABINIERI – Grazie all’intervento dei carabinieri del nucleo operativo Roma Eur si è evitato un altro probabile sequestro lampo. Dopo essere riuscito a sottrarsi dalle mani dei tre malintenzionati, l’uomo ha chiamato i militari che sono riusciti a rintracciare ed arrestarli per tentata estorsione.

GIUSTIZIA FAI DA TE – Si tratta di tre uomini italiani di 36, 55 e 59 anni che hanno tentato di farsi giustizia da soli per recuperare un credito che la vittima non aveva contratto direttamente con loro ma che un terzo gli aveva ceduto. Inutile il tentativo da parte dell’imprenditore di farli ragionare. Invece di rivolgersi al curatore fallimentare dell’azienda fallita, come prescrive la legge, con intimidazioni, si sono fatti dire da un suo dipendente dove potevano trovare l’imprenditore provando a farsi dare i soldi con la forza. I tre arrestati sono stati condotti a Regina Coeli.

[form_mailup5q lista=”newsletter generale”]

È SUCCESSO OGGI...