Comune di Roma, il Tar ferma la pedonalizzazione dei Fori traiani

L'azione mossa da un gruppo di cittadini. Possibile il ricorso al Consiglio di Stato

0
329

Potrebbe sorgere il dubbio che le successive delibere annullate dal Tar, ultima quella sulle tariffe di sosta, prefiguri una sorta di sorda lotta tra la magistratura amministrativa ed il Comune di Roma. Infatti è l’ennesima bocciatura da parte del Tar dopo le delibere su aumenti delle tariffe Ztl, delle soste a pagamento, delle norme per le auto a noleggio con conducente e degli aumenti delle tariffe per gli asili nido. Ma potrebbe anche essere che la superficialità della stesura di norme e regolamenti faciliti i ricorsi di cittadini e associazioni portatrici dei loro particolari interessi.

LA DECISIONE DEL TAR – Così poche ore fa accade che la seconda sezione del Tar del Lazio annulli la delibera della giunta sulla pedonalizzazione di piazza del Foro di Traiano. Il relativo ricorso era stato presentato da alcuni residenti della zona: così il Tar delibera che «non sono percepibili le ragioni che hanno condotto alla concreta individuazione dell’area tra quelle da ricomprendere nel perimetro della pedonalizzazione in precedenza avviata – si legge nella sentenza – risultando quindi tale scelta del tutto avulsa da quel necessario contesto istruttorio e motivazionale che deve presidiare l’esercizio della potestà discrezionale riconosciuta all’Amministrazione Comunale».

FORO TRAIANO – La delibera risaliva al giugno scorso e intendeva pedonalizzare anche la piazza del Foro Traiano a Roma. Questa operazione, fortemente voluta dal sindaco Ignazio Marino era stata istituita per sviluppare la pedonalizzazione a Via dei Fori Imperiali. E’ l’ennesima bocciatura da parte del Tar, per il comune di Roma, dopo le delibere su aumenti delle tariffe Ztl, delle soste a pagamento, delle norme per le auto a noleggio con conducente e degli aumenti delle tariffe per gli asili nido. Si presume che anche in questo caso il Campidoglio farà ricorso al Consiglio di Stato ma lo stillicidio di ordinanze del Tar non aiuta certo l’attività amministrativa del comune che già pare inceppata dopo lo scandalo  di Mafia Capitale.

[form_mailup5q lista=”campidoglio”]

È SUCCESSO OGGI...