Mafia Capitale, l’ex sindaco Alemanno a processo il 23 marzo

L'accusa è di corruzione e finanziamento illecito

0
588

La data è stata fissata: l’ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno, sarà processato per corruzione e finanziamento illecito il 23 marzo prossimo nell’ambito di uno dei procedimenti collegati al maxiprocesso di Mafia Capitale. A stabilire il rinvio a giudizio è stato il Gup, Nicola Di Grazia, dopo quasi tre ore di udienza e circa due di camera di consiglio. Il processo, che si svolgerà con rito ordinario, sarà celebrato dalla seconda sezione del Tribunale di Roma.

LE ACCUSE – Secondo la Procura, Alemanno avrebbe ricevuto 125 mila euro tra il 2012 e il 2014 per compiere atti contrari ai doveri del suo ufficio. La somma sarebbe stata sborsata anche da Salvatore Buzzi, in accordo con Massimo Carminati, e in gran parte versata alla Fondazione Nuova Italia, presieduta da Alemanno. In particolare, tramite Franco Panzironi, imputato nel maxi-processo Mafia Capitale, l’ex primo cittadino avrebbe ricevuto attraverso la sua fondazione 75mila euro a titolo di finanziamento per cene elettorali e altri 40 mila euro per il finanziamento della fondazione stessa.

ALEMANNO SERENO – “Non ho chiesto riti alternativi proprio per dimostrare pubblicamente la mia innocenza – ha commentato Alemanno – Ho la coscienza pulita e per questo non ho nulla da patteggiare. Affronto quindi il rinvio a giudizio con animo sereno perché sono fiducioso nell’operato della magistratura e convinto che al dibattimento sarà accertata e provata l’assoluta correttezza del mio operato”.

 

[form_mailup5q lista=”eventi”]

È SUCCESSO OGGI...