Virginia Raggi si presenta: “Posso essere il primo sindaco donna”

Conferenza della candidata a Cinque Stelle nella sede della stampa estera

0
1325
Virgina Raggi, M5S, Candidata sindaco di Roma, Movimento 5 Stelle

La butta sul genere la candidata sindaco dei 5stelle Virginia Raggi in conferenza presso la sede della stampa estera e afferma, non senza ragione che per la primavolta a Roma c’è un candidato sindaco donna. Poi forte  del sostegno dei 1.764 iscritti certificati durante la votazione online, afferma  «siamo più che maturi per governare Roma. Abbiamo deciso di iniziare una campagna così importante nella sede della Stampa Estera perché in quest’anno sono usciti molti articoli anche brutti sulla nostra città».

Una città che grazie ai grandi partiti, oltre a Mafia, Camorra e ‘Ndrangheta, è stata stuprata da una cattiva politica e da una cattiva amministrazione. Poi siccome i cittadini vengono presi in considerazione solo in campagna elettorale ha invitato al tavolo due cittadini per parlare dei punti che il Movimento 5 stelle dovrà trattare nella prossima amministrazione. Poi passa ad una nutrita serie di consuete promesse elettorali. A Roma, dice, è una sfida quotidiana prendere un autobus, quindi bisogna rilanciare la mobilità pubblica (oibò) e pre questo  servono più mezzi pubblici senza  tagliare le linee, soprattutto nelle periferie».

E ancora: corsie preferenziali e semafori coordinati. Poi piste ciclabili collegate tra loro, app per sfruttare il Tpl, e più car sharing anche elettrico. Se il Movimento 5stelle vincerà affronterà la questione della Metro C che arriverà a Colosseo «ma poi vedremo cosa fare». Nell’incertezza delle sorti per la metro e siccome i voti degli sportivi non fanno schifo a nessuno è d’accordo sia per lo stadio della Roma che per per quello della Lazio. Mentre per le Olimpiadi è favorevole alla consultazione dei cittadini anche se il Movimento in Parlamento si è scagliato «contro le Olimpiadi, visto che abbiamo a Roma tante opere non concluse, e che queste di solito vanno ad alimentare flussi di denaro non leciti».

Ma se Roma «dovesse risorgere delle sue miserie, e darci fiducia, potrebbe anche essere che nel 2024 Roma sia pronta a gestire Olimpiadi pulite». Lasciando quindi aperte le porte ai grandi gruppi del  business olimpico. Immancabile il tema dei rom che «sono un’emergenza che dura da 20 anni. Ogni anno si spendono 24 milioni per mantenerli in situazione di degrado e per mantenere persone che potrebbero lavorare. Il superamento dei campi rom quindi non è più rinviabile».

Poi ha chiarisce la questione legata al suo lavoro per lo studio legale di Cesare Previti: «Ho svolto la pratica forense presso lo studio Previti 13 anni fa. Sono uscita dall’Università a circa 24-25 anni e ho fatto la pratica con il mio professore, che all’epoca lavorava con lo studio Previti facevo per lui il giro forense, la specializzata alle file…(ai vari sportelli e uffici dei tribunali ndr)». Il bello della diretta è che ormai è una gara di tutti i candidati a proporre quanto più possibile quindi è difficile capire quale sia l’originalità dei 5stelle se non nel volto pulito e telegenico della Raggi.

Balthazar

È SUCCESSO OGGI...