Elezioni, tanti candidati per pochi seggi

Solo 19 andranno ai partiti perdenti. Intanto Tronca esamina le sedi Pd con problemi di morosità

0
607

Sembrerebbe una festa per la democrazia e invece la pletora di candidati per le elezioni romane viene percepita come confusa e complicata. Più complicata per le liste di candidati al Consiglio e nei municipi che dovranno venir presentate a giorni.

I CONTI PER L’ATTRIBUZIONE DEI SEGGI

Tutti evidentemente vorrebbero vincere ma saranno solo 19 i seggi al comune spettanti ai partiti perdenti, che andranno divisi tra liste (o coalizioni di liste) di candidati che per l’aula Giulio Cesare probabilmente sommeranno circa il 75% dei voti validi al primo turno. I conti sono abbastanza semplici, un seggio per i partiti d’opposizione scatterà con circa il 4% dei voti validi. Calcolando che, stando al numero delle candidature attuali, circa 6 seggi scatteranno per i candidati sindaci perdenti. Quindi non resterà che dividere gli altri 13 seggi per tutte i candidati nelle liste (o coalizioni di liste) che avranno superato il 4%… per non parlare dei municipi. Ovviamente ci saranno poi le preferenze che giocheranno a favore di questo o quell’aspirante consigliere, con il rischio (vista l’aria che tira fra la gente) queste ultime non raggiungano i livelli delle competizioni precedenti. Teoricamente converrebbe riunire le forze, ma il quadro politico attuale lascia intendere che al massimo ci potrebbe essere una candidatura unica a destra fra Marchini e Bertolaso.

SEDI PD SOTTO LA LENTE DI TRONCA

Infine una nota perché le preoccupazioni per le sedi del Pd sotto la lente d’ingrandimento dal commissario Tronca non si limiterebbero alla sede storica di via dei Giubbonari già sfrattata, ma riguarderebbero anche la possibilità di sgombero di altri 4 circoli Pd con «problemi più seri» di morosità. Lo afferma il commissario del Pd di Roma Matteo Orfini che fra i circoli a rischio indica quelli di Trionfale, Garbatella, San Giovanni e San Basilio, tutte site in edifici di proprietà dell’Ater.

 

Balthazar

È SUCCESSO OGGI...