Raggi commissariata, Colomban vicesindaco

0
2202

Una lunghissima riunione di maggioranza si è tenuta  ieri pomeriggio. Virginia Raggi nella bufera ha convocato i suoi 29 consiglieri dopo il vertice notturno di venerdì per contarsi e decidere cosa fare. Un incontro iniziato intorno alle 16 e concluso intorno alle 19.30 nelle stanze di Palazzo Valentini, sede della città metropolitana.
Alla fine Virginia ha dovuto, in qualche modo, cedere alle pressioni del Movimento. La decisione, trapelata inizialmente a riunione ancora in corso, prevedrebbe un sostanziale “declassamento” del “raggio magico”,  con un abbandono di Salvatore Romeo, capo della segreteria politica e il forte ridimensionamento di Daniele Frongia da vicesindaco a semplice assessore. L’assessore Colomban, non eletto, sarà il nuovo vice sindaco.
Ma nella notte già molti profili si erano delineati in una situazione troppo difficile per lei, per gli esponenti di punta del Movimento e anche per Beppe Grillo. Il silenzio molto eloquente del principale sponsor della Raggi, Alessandro Di Battista, le parole di Roberto Fico uscendo dall’hotel Forum («è chiaro che per me Marra non e’ solo un tecnico») e di Carla Ruocco sulla possibilità che bastassero le scuse della Raggi («No, non penso proprio»). Il punto adesso è se il Movimento Cinque Stelle intenda togliere o no progressivamente legittimazione al mandato della sindaca che ha ricevuto, va ricordato, quasi il 70 per cento delle preferenze alle elezioni dello scorso giugno. L’ipotesi di togliere alla giunta il simbolo del M5S ventilata nelle scorse ore, non era gradita a figure di spicco come Marcello De Vito e al capogruppo Paolo Ferrara. La proposta di togliere dal “raggio magico” le figure chiave del vicesindaco Frongia e del super dirigente Salvatore Romeo era già arrivata da alcuni esponenti del movimento.
Intanto Raffaele Marra e Sergio Scarpellini, in carcere da ieri, saranno ascoltati dai magistrati della procura di Roma. I primi due interrogatori sono previsti per martedì e i due, attraverso i loro avvocati, si sono detti pronti a collaborare.

Francesco Unali

È SUCCESSO OGGI...