Virginia Raggi contestata all’VIII Municipio

0
993
raggi

Virgina Raggi è stata poco fa contestata davanti alla sede dell’VIII municipio di Roma, commissariato dal giorno delle dimissioni del presidente pentastellato Paolo Pace,”Casa, accoglienza, dignità: le vere priorità contro la vostra legalità” e “La decisione torni ai cittadini elezioni subito” era scritto sugli striscioni che hanno accolto la sindaca  arrivata per la seduta della Giunta capitolina che oggi si tiene presso la sede di quel municipio. “Virginia parla con noi” e “vogliamo votare subito” hanno urlato i rappresentanti alcune decine di manifestanti presenti all’arrivo della Raggi.
Arrivata in auto è stata contestata, con i cittadini che l’hanno seguita fino al suo ingresso nel palazzo municipale. “Siamo rimasti senza un governo del territorio per la vostra manifesta incapacità di governare – ha spiegato Amedeo, portavoce della coalizione delle varie sigle dei contestatori – È la prima volta che viene qui e nemmeno ci saluta. Quello che è successo quì non era mai successo in anni precedenti. Nidi, fiera di Roma, emergenza casa, via Odescalchi: sono solo alcuni dei nodi che la vostra giunta non è stata in grado di sciogliere”.
I manifestanti si sono spostati poi sotto la finestra della sala in cui si sta svolgendo la riunione di Giunta e hanno urlato “siamo suoi cittadini, fateci votare,elezioni subito”. Il vicesindaco e assessore alla Cultura di Roma, Luca Bergamo, si è affacciato per alcuni secondi e ha ascoltato le proteste del gruppo di manifestanti, prima di rientrare chiudendo la finestra.
Alla protesta ha partecipato anche Amedeo Ciaccheri, capogruppo municipale uscente della lista Sinistra X Catarci, attualmente portavoce della coalizione civica di sinistra, il quale ha annunciato: “Il primo consiglio popolare dell’ VIII municipio si terra’ qui il 25 maggio perche’ il territorio senza governo si autogoverna”.
Balthazar

È SUCCESSO OGGI...