Concorsone, comitato vincitori: «Insufficienti 385 assunzioni»

0
712

“Siamo assolutamente delusi dal piano assunzionale diffuso ieri attraverso una nota stampa dall`amministrazione Capitolina. Sono del tutto insufficienti le 385 assunzioni previste per il 2017, così resteranno ancora in attesa ben 162 vincitori di concorso che già aspettano ormai da anni di vedere rispettato il diritto all`assunzione che hanno conquistato vincendo un concorso. Inoltre è un piano che non lascia speranze per le centinaia di idonei delle graduatorie che sono in scadenza a dicembre. Questo non è tollerabile. Chiediamo un incontro urgente con la sindaca Virginia Raggi e con il delegato al Personale e alle relazioni sindacali di Roma Capitale, l`avvocato Antonio De Santis”. A parlare è Federica Ragno, portavoce del Comitato 22 Procedure per la Giustizia, che rappresenta vincitori e idonei del cosiddetto ‘concorsone’ partito nel lontano 2010 e che lascia ancora a casa, dopo 7 anni, centinaia di vincitori e idonei. “Sono numeri ancora più inaccettabili perché, come risulta da un nostro accesso agli atti di luglio, il totale del personale di Roma Capitale cessato nel 2016 è di 628 unità e il risparmio derivante da queste cessazioni risulta pari a 13.857.027 euro. Il limite finanziario al turn over è pertanto pari a 10.392.770,25 euro, corrispondente al 75% dell’economia. A questo vanno sommati i residui ancora disponibili delle quote percentuali delle facoltà assunzionali relative agli anni precedenti (2014, 2015 e 2016) che sono pari a 18.199.859,33 euro.

 

Tutti questi numeri – commenta Federica Ragno – per dire che i fondi disponibili ci sono e sono ben 28 milioni. Fondi che, anche se usati in parte, permetterebbero di assumere non solo tutti i vincitori delle 22 procedure ma anche buona parte degli idonei. E allora la nostra domanda è: perché non vengono usati questi fondi che sono il frutto di risparmi degli anni precedenti? Apprendiamo dalla nota che saranno assunti anche 100 giardinieri: quanto queste assunzioni incidono sulle nostre? Roma Capitale ha carenze per oltre 8000 unità e ha bisogno di forze nuove, preparate e competenti. Chiediamo all`amministrazione, con la quale non è mai mancato il dialogo, di usare al massimo le capacità assunzionali. Assuma entro il 2017 tutti i vincitori e una parte degli idonei e presenti una programmazione seria per il 2018 che includa anche gli idonei: i fondi e il turn over lo consentono” “Inoltre a Roma, a giorni, si concluderà il concorso della polizia locale e la carenza del corpo è sotto gli occhi di tutti. Per questo, da mesi, con il Comitato Nazionale XXVII Ottobre chiediamo al Governo di intervenire per lo scorporo della polizia locale, come già accaduto nel settore socio-educativo. Questo, oltre a garantire le assunzioni in un settore importante e carente come quello della polizia locale, permetterebbe di liberare risorse per gli altri profili di cui Roma ha altrettanto grande bisogno. Dal 2013 abbiamo visto alternarsi 3 sindaci e 1 commissario, la nostra non è una battaglia politica ma solo di merito. Da anni chiediamo il rispetto del nostro diritto al lavoro conquistato con merito e da anni vorremmo offrire ai cittadini che pagano le tasse servizi efficienti”.

È SUCCESSO OGGI...