Benzina, i prezzi risalgono: rialzi forti per tutte le compagnie

Da sabato numerose compagnie hanno rimesso mano ai listini: ecco la situazione aggiornata

0
312
benzinai irregolari ciampino

Già finita la tregua nei prezzi dei carburanti? Pare di sì, nonostante il ribasso del barile continui e dunque a quell’apparente discesa delle ultime settimane sembra bisognerà rinunciare in favore di una nuova ondata di rialzi sulla rete carburanti italiana.

RESTANO LE POMPE BIANCHE – Restano, ma solo in parte, le pompe bianche a far sperare nella convenienza chi prova ancora a risparmiare qualcosa sugli spostamenti in automobile Con i mercati internazionali dei prodotti petroliferi che mostrano ancora il segno piu’, infatti, a mettere mano ai listini di benzina e diesel sono state sabato IP (+1 cent/litro), Tamoil (+1 cent), Q8 (+1,5 cent) e Shell (+1,5 cent), seguite oggi da TotalErg (+1 cent) ed Esso (+1 cent).

ECCO I RIALZI PREZZI BENZINA – Sul territorio, di conseguenza, prezzi praticati in aumento ovunque. Secondo quanto risulta in un campione di impianti che rappresenta la situazione italiana per il servizio Check-Up Prezzi QE, il prezzo medio praticato “servito” della benzina va oggi dall’1,613 euro/litro di Eni all’1,636 di Q8 (no-logo a 1,470). Per il diesel si passa dall’1,533 euro/litro di Eni all’1,554 di Tamoil (no-logo a 1,372). Il Gpl, infine, e’ tra 0,591 euro/litro di Esso a 0,628 di Shell (no-logo a 0,570). Le punte massime sempre sul “servito” (no-logo escluse), osservate per tutti e tre i prodotti nell’Italia meridionale, risultano in salita a 1,706 euro/litro per la benzina e a 1,600 euro/litro per il diesel, mentre sono stabili a 0,657 euro/litro per il Gpl.

[form_mailup5q]

È SUCCESSO OGGI...