Congresso provinciale PD: Marcorelli punta alla segreteria di Maugliani

0
605

Oggi (ieri, ndr) scadevano i termini per la presentazione dei candidati al congresso provinciale del PD. Sul filo di lana è arrivata la candidatura di Vincenzo Marcorelli, alternativa al segretario provinciale uscente Rocco Maugliani, che sembrava dovesse restare senza concorrenti. Di seguito vi proponiamo un profilo del neo candidato. Eletto con la Lista Scegli Rignano – Fabio Di Lorenzi Sindaco, il 15-16 maggio 2011.  Di famiglia rignanese, nato a Roma il 26 febbraio 1977. Laureato in Scienze della Comunicazione, ha il Master di II Livello in Public & Parliamentary Affairs. Lavora presso l’assessorato provinciale alle Politiche dell’Agricoltura. Inoltre è giornalista pubblicista, direttore responsabile del mensile di informazione locale “Il Sorattino” e redattore della rivista “Orientamenti amministrativi”, periodico di informazione e di indirizzo sui problemi per le autonomie locali e regionali curata da Legautonomie Lazio. Segretario di redazione della rivista internazionale “Sindacalismo”, promossa dalla Fondazione Energeia della Flaei-Cisl. Consigliere comunale nella lista “Rignano c’è in Comune”, dal 2006-2011, è stato capogruppo d’opposizione.

“Ho presentato la mia candidatura a segretario del PD della provincia di Roma perché ritengo che il partito abbia bisogno, dopo le sconfitte avute nelle ultime elezioni amministrative, di una forte discontinuità col passato e di un congresso vero che metta al centro della discussione i problemi che affliggono le famiglie, i giovani, le imprese. Invece che costruire la vera unità, i risultati del falso unanimismo condannano oggi il PD ad una asfissia della partecipazione. Ed è per questo che con coraggio e spirito di servizio mi sono candidato per invertire questo processo. In questi anni abbiamo tenuto conferenze programmatiche che hanno prodotto documenti di qualità, che non servono a nulla se restano patrimonio ristretto di pochi addetti ai lavori. Bisogna invece tornare tra la gente, con una grande capacità di ascolto, rendere protagonisti i territori e non umiliarli con scelte piovute dall’alto e far diventare i circoli il centro della nostra elaborazione politica. Abbiamo bisogno di valorizzare le competenze, che emergono anche tra tanti nostri giovani, seguendo l’invito che ci ha fatto il nostro segretario nazionale Matteo Renzi. È proprio la competenza, che a sua volta vuol dire anche responsabilità e affidabilità per chi intende assumere l’onere del governo della cosa pubblica, che può battere la demagogia e il populismo, seguendo quanto di buono stanno facendo il Governo Gentiloni e Nicola Zingaretti alla guida della nostra Regione. Con una piattaforma programmatica chiara, che nei prossimi giorni cercherò di far arrivare a ogni nostro circolo, mi sono candidato per ridare alla nostra comunità un futuro di speranza, anche in chi ultimamente al nostro interno l’ha persa. Guardiamo avanti. Cambiamo. Facciamolo insieme».

Alberto Sava

È SUCCESSO OGGI...