Regionali, Parisi: “Io sono radicato a Roma, e qui nel Lazio dobbiamo portare l’esperienza positiva di Milano”

"Perchè lì funzionano sanità o trasporti e qui no? Non è una questione di dna o voglia di lavorare, ma di politica e organizzazione" ha detto il candidato alla presidenza della Regione

0
231
Stefano Parisi

“Io sono romano e ho vissuto tutta la vita qui. Nel 1997 l’allora sindaco di Milano, Gabriele Albertini, mi chiamò a fare il city manager a Milano, chiamò per quel ruolo un romano. In quel momento noi cambiammo Milano: eravamo accerchiati da ‘Mani pulite’, avevano aree urbane dissestate e non avevamo un depuratore. Oggi Milano è quello che è grazie a quegli anni. Poi sono tornato, ma un giorno mi chiamò Berlusconi per dirmi che sarei andato a fare il sindaco a Milano. Il Pd mi criticò dicendo che un romano andava a fare il sindaco a Milano mentre ora dice che un milanese viene a fare il presidente della Regione Lazio. Si decidessero. Ma io sono molto radicato in questa città e in questa regione”.

Così il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Lazio, Stefano Parisi, nel corso di un’intervista in diretta nella sede dell’agenzia Dire. “A Milano e in Lombardia ci sono tantissimi lavoratori che non sono milanesi ma meridionali, e funzionano – ha aggiunto Parisi – Perchè lì funzionano sanità o trasporti e qui no? Non è una questione di dna o voglia di lavorare, ma di politica e organizzazione. Dobbiamo riuscire a portare quell’esperienza e quello spirito nel Lazio”.

Fonte Dire

È SUCCESSO OGGI...