Winning Attitude Award, premi agli sportivi dalla mentalità vincente

Venerdì a Roma si assegnano i riconoscimenti a Valentina Vezzali, Gianluigi Buffon, Simone Inzaghi, Beatrice Vio e Filippo Magnini. Tra i premiati anche personaggi della società civile

0
2646
Corapi, Meola, Pellino e Bartocci (Foto Pizzi)
Corapi, Meola, Pellino e Bartocci (Foto Pizzi)

Una serata per premiare la mentalità vincente e la stima in se stessi. Nasce con questi obiettivi il Winning Attitude Award, premio voluto dal mental coach Sandro Corapi e dal giornalista Gianluca Meola, con il patrocinio del Coni, dell’Agenzia Nazionale Giovani e dell’Assessorato alla crescita culturale del Comune di Roma, che venerdì prossimo verrà assegnato al Gran Teatro del Church Palace di Roma.

Non sarà solo lo sport ad essere protagonista del Winning Attitude Award, ma anche personaggi della società civile. A ricevere il premio saranno infatti gli sportivi Valentina Vezzali, Gianluigi Buffon, Simone Inzaghi, Beatrice Vio, Filippo Magnini, Giovanni De Carolis, Sandro Campagna, Daniele Lupo, Andrea Lo Cicero, Gianmarco Tamberi e Vincenzo Nibali, insieme al giornalista Malcom Pagani, a Manuela Migliaccio, sportiva e modella in carrozzina che ha realizzato il record di marcia con esoscheletro bionico, Alberico De Giglio, giovane youtuber, e allo chef Antonino Cannavacciuolo.

A presentare il premio presso lo “Stadio di Domiziano” di Roma, oltre agli organizzatori Gianluca Meola e Sandro Corapi, anche la schermitrice Valentina Vezzali, che ha voluto portare la propria testimonianza riguardo la sua carriera da atleta.

Gianluca Meola e Valentina Vezzali (Foto Pizzi)
Gianluca Meola e Valentina Vezzali (Foto Pizzi)

«Sono felicissima di essere tra i premiati – commenta la Vezzali -. Tra i premiati c’è una altra ragazza che per me ha un significato molto importante, Bebe Vio, che nonostante la malattia non ha voluto rinunciare al proprio sogno di vincere una Olimpiade. Nella vita è importante avere in mente dove si vuole andare ed essere convinti di voler realizzare il proprio risultato, bisogna mettersi in gioco ed avere la costanza e la determinazione di andare avanti senza perdere mai di vista l’obiettivo. Questo è lo spirito che mi ha permesso di allenarmi anche 6-7 ore al giorno».

«Io – continua Valentina – ho avuto la fortuna di avere la famiglia che mi ha sempre supportato, e un esempio come il maestro Ezio Triccoli, che ha creato la scuola di Jesi. Io oggi non sono più in pedana, ma voglio continuare a trasmettere i miei valori. Fin dall’inizio sapevo che prima o poi la mia carriera avrebbe avuto una fine, e lo sport insegna a gestire il proprio tempo, anche adesso che sono parlamentare, ho provato a rincorrere il mio sogno dell’ultima Olimpiade, allenandomi duramente ogni giorno prima e dopo le riunioni in aula, ma purtroppo non ci sono riuscita. Anche questa cosa però può servire da insegnamento ai ragazzi, per provare comunque a raggiungere i propri obiettivi. Per quanto mi riguarda – termina Valentina -, credo che se in politica ci fossero tanti sportivi le cose andrebbero meglio».

A condurre la serata dal teatro sarà oltre all’ideatore Gianluca Meola, l’attrice Elisabetta Pellini. Ma quella di venerdì non sarà soltanto una giornata di premiazioni. A partire dalle 19 infatti Filippo Magnini e l’associazione I’m doping free, insieme alla Polizia postale, avranno un incontro con i ragazzi sul tema riguardante i pericoli dall’uso del web, bullismo e cyberbullismo.

Foto servizio di Paolo Pizzi

È SUCCESSO OGGI...