Ss Lazio, Pioli “attacca” la Juventus. Le probabili formazioni

Il tecnico biancoceleste senza Parolo, De Vrij, Novaretti e Cavanda. Allegri recupera pezzi, ma non avrà lo squalificato Ogbonna

0
613
ss-lazio-juventus

Tutto pronto per il big match di sabato sera, allo Juventus Stadium di Torino la capolista ospita la Lazio di Pioli, fresca del secondo posto guadagnato ai danni della Roma. Ad arbitrare il match, in programma alle ore 20.45, sarà Rizzoli.

LE FORMAZIONI – In casa Lazio torna Marchetti che dovrebbe giocare con una maschera sul volto, mentre Novaretti e Cavanda sono squalificati, mentre Parolo, De Vrij sono indisponibili. Pioli dovrebbe giocare con Basta, Cana, Mauricio e Braafheid in difesa, Cataldi, Biglia e Lulic al centrocampo e poi affidarsi a Candreva, Klose e Felipe Anderson. Ma potrebbe anche scegliere di arretrare Lulic al posto di Braafheid e dare spazio a Mauri nel tridente offensivo.

La Juventus di Allegri invece ha un paio di dubbi che riguardano Morata e Llorente a fare coppia con Tevez. Per il resto: Buffon, Barzagli, Bonucci e Chiellini; poi Padoin, Sturaro, Pirlo, Vidal, Tevez di sicuro, Morata sembra favorito, e in lizza uno tra Evra e Lichsteiner a seconda delle scelte del tecnico. Squalificato Ogbonna.

PRECEDENTE – All’andata la Juve vinse all’Olimpico di Roma 3-0 una brutta batosta, ma è pur vero che la Lazio in questi mesi è cambiata tanto. E anche Pioli non sembra preoccupato di quel risultato: «È passato un girone, la mia squadra è più matura e pronta per affrontare la squadra migliore del campionato. La Juve è sicuramente la squadra più forte. Sarà una sfida tra due formazioni che vogliono vincere». La Lazio ha un bel gioco e vuole portare a casa i tre punti, anche per mettere al sicuro il secondo posto.

SCUDETTO – Pioli pensa allo scudetto ma ovviamente in ottica futura: «Quest’anno gettiamo le basi. Ci vuole qualità e continuità, ma deve passare ancora tanta acqua sotto i ponti prima che si possa parlare di scudetto. Quello di domani sarà un esame molto importante».

Allegri invece spera che la squadra abbia recuperato le energie spese per il match di Champions League, e spera non si ripetano gli errori commessi con il Parma. Non si fida della Lazio e per lui lo scudetto non è ancora vinto.

[form_mailup5q lista=”ss lazio”]

È SUCCESSO OGGI...