Alterego – Fabbrica dei diritti presenta Oissa 2, il nuovo vademecum legale per le popolazioni terremotate

Appuntamento ad Amatrice (San Cipriano) domenica 18 febbraio alle ore 10 al campo delle Brigate di Solidarietà Attiva

0
308

Dopo mesi di lavoro, aggiornamenti continui e indagini sul campo, domenica 18 febbraio Alterego – Fabbrica dei Diritti presenterà Oissa 2 – Diritti in Ri-Costruzione, il nuovo vademecum legale per le popolazioni terremotate. L’iniziativa sarà illustrata alle 10 in collaborazione con le Brigate di Solidarietà Attiva, e ospitata dal Comitato Civico 3.36. di Amatrice.

164 pagine di informativa sulle norme che disciplinano la ‘vita di cratere’, che punta a essere uno strumento di conoscenza e indagine per chi ancora oggi vive nell’emergenza e nella totale carenza informativa sui suoi diritti.

“Oissa 2 – spiega l’Avv. Riccardo Bucci – sarà per noi un nuovo inizio: dopo un anno e mezzo di attività sul ‘cratere’, sono tante le criticità che abbiamo scoperto e denunciato e ora si passerà a una nuova fase, quella dell’azione. Molte sono le questioni da affrontare e spiegare alla popolazione: dai ritardi della Pubblica Amministrazione, che fino ad oggi hanno spesso solo avuto una definizione politica e quasi mai giuridica (se la Pubblica Amministrazione ritarda nella realizzazione di quanto è obbligata a fare, il cittadino che ne ha diritto potrebbe chiedere il risarcimento del danno) – spiega l’Avv. Bucci -, passando per le questioni inerenti la salute e la salubrità dell’aria, la mala gestione delle procedure per la ricostruzione, l’inosservanza delle procedure finalizzate a contrastare l’emergenza abitativa (ancora oggi presente in molte parti del territorio) e la mancata o errata applicazione delle sospensioni previste dalla legge di tasse e bollette”.

A seguito della pubblicazione di OISSA 2, che verrà distribuito gratuitamente insieme con le Brigate di Solidarietà Attiva su tutto il cratere, Alterego – Fabbrica dei Diritti lancerà un nuovo ciclo di assemblee pubbliche e di sportelli legali nell’area del cratere. “Noi non ce ne andiamo da quelle terre, anzi, siamo più decisi che mai a rimanere come vigili osservatori in quella che oramai per noi – conclude Bucci – è una seconda casa”.

È SUCCESSO OGGI...