Metti la nonna nel freezer, la commedia “dark” con Miriam Leone e Fabio De Luigi

Barbara Bouchet, nei panni dell'anziana signora, ha confessato durante la presentazione: "Negli Stati Uniti anche io ho ricevuto delle minacce e da quel momento ho deciso di chiudere i ponti con la realtà americana"

0
1260
Miriam Leone e Fabio De Luigi (Foto Pizzi)

Una commedia dark diversa dal solito, genere che in Italia ancora non trova molte espressioni. Questo è “Metti la nonna nel freezer” pellicola in uscita dal prossimo 15 marzo, interpretata come protagonisti dalla coppia Miriam Leone – Fabio De Luigi.

Nel film Fabio De Luigi è Simone Recchia, finanziere incorruttibile quanto maldestro, che si innamora di Claudia, interpretata da Miriam Leone, una restauratrice che vive grazie alla pensione della nonna (Barbara Bouchet). Quando la nonna muore improvvisamente, Claudia, per evitare la bancarotta decide di pianificare una truffa per continuare ad incassare la pensione, con la complicità delle sue due amiche, interpretate da Lucia Ocone e Marina Rocco.

Per i registi Giancarlo Fontana e Giuseppe G. Stasi, questo è il primo tentativo con il grande schermo.

“Per noi – raccontano durante la presentazione i due registi – è stato un sogno passare dalla tv al cinema, e con attori e una produzione di grande livello. Credo che abbiamo fatto una commedia diversa, una black commedy, come se ne vedono poche nel nostro paese. Il nostro intento era quello di tirare fuori un prodotto che divertisse e facesse innamorare”.

Novità anche per Miriam Leone, conosciuta soprattutto per lavori drammatici, che si è messa alla prova con un genere diverso come la commedia. “Sul set – racconta l’attrice ex Miss Italia -, siamo stati una orchestra ben accordata, dove ogni strumento ha dato il massimo. Un privilegio lavorare con loro, mi serviva di lasciare andare via una energia più leggera”.

Ad interpretare la nonna è stata invece Barbara Bouchet. “Io – racconta l’attrice – ho sempre detto in tutte le interviste di farmi vecchia, magari brutta, ma fatemi prendere in ruoli da “nonna”. La mia nipote, Serena, aiuto regista nel film, mi ha chiesto se volevo la parte, sapendo che cercavo ruoli per la mia età, ho fatto il provino e mi hanno accettato. Spero che qualcuno li fuori capisca che so fare anche altro rispetto a quello che ho sempre fatto”.

Piccolo fuori-programma durante la conferenza di presentazione. Rispondendo ad una domanda sul tema delle molestie sessuali nel cinema Usa, la Bouchet conferma come la cosa sia successa anche a lei. “Negli Stati Uniti, anche io ho ricevuto delle minacce – conferma l’attrice – e da quel momento ho deciso di chiudere i ponti con la realtà americana e trasferirmi in Italia dove ho avuto successo. Faccio molti complimenti alle donne che hanno denunciato – termina – mentre agli uomini dico di continuare a farci la corte, ma farlo con grazia”.

Paolo Pizzi

È SUCCESSO OGGI...