Lazio, si ferma anche Lukaku: l’emergenza continua

Il difensore ha accusato un problema muscolare alla coscia con il Belgio potrebbe tornare nella Capitale nelle prossime ore. L’infermeria di Simone Inzaghi rimane affollata

0
830
Ss Lazio, Jordan Lukaku (Foto Paolo Pizzi)
Ss Lazio, Jordan Lukaku (Foto Paolo Pizzi)

Non c’è pace per la Lazio di Simone Inzaghi e gli infortuni. Dopo Thomas Strakosha, che ha subito un lieve affaticamento muscolare, si è fermato anche Jordan Lukaku. L’esterno belga ha accusato un problema muscolare alla coscia ed è probabile che nelle prossime ore possa tornare a Roma per svolgere gli esami medici del caso.

Un duro colpo per i biancocelesti che sperano che l’infortunio non sia grave, visto che l’infermeria resta affollata. Felipe Anderson è alle prese con una tendinopatia inserzionale calcifica a carico dell’adduttore sinistro che lo costringe ai box dallo scorso 30 luglio. Probabile un suo reinserimento graduale, ma difficile che possa recuperare prima di altre tre o quattro settimane.

Proveranno a forzare Bastos e Wallace, con quest’ultimo che spera di rientrare dopo la sosta nel match di Torino contro la Juventus. Il basiliano si era fermato nel match contro il Milan, mentre l’angolano in quello con il Napoli. Entrambi avevano riportato noie muscolari e sperano di tornare presto a disposizione di Inzaghi. Ci vorrà un po’ più di tempo per Dusan Basta, anche lui fermatosi nella sfida con il Napoli e la cui prognosi è leggermente più lunga. Il serbo potrebbe tornare per la trasferta di Bologna in programma il 25 ottobre.

Buone notizie arrivano da Luis Nani e Stefan de Vrij. Il portoghese e l’olandese hanno preferito restare a Formello e non raggiungere le rispettive selezioni per cercare di recuperare al meglio dai rispettivi acciacchi. L’esterno lusitano, che domenica ha esordito con la nuova maglia contro il Sassuolo, si è messo alle spalle la distorsione al ginocchio accusata in estate al Valencia. Ora deve solo ritrovare la condizione fisica migliore per tornare protagonista e far vedere ai tifosi biancocelesti tutte le sue qualità.

Il centrale oranje ha spiegato: “Ero in dubbio per la gara con il Sassuolo. La risonanza ha dato esito positivo e ho giocato, ma non sono al massimo. Per questo non sono in Nazionale, anche perché a metà del secondo tempo ho chiesto il cambio perché non ce la facevo più”.

Oggi, giorno in cui la squadra si è ritrovata dopo due giorni liberi, è rimasto a riposo e probabilmente nei prossimi allenamenti svolgerà un lavoro personalizzato per tornare al massimo in vista del nuovo tour de force che attende le aquile nel prossimo mese e mezzo. Non è a rischio nemmeno Strakosha, per lui un semplice e lieve affaticamento muscolare, ma meglio non esagerare. Il portiere è una delle certezze della Lazio e Inzaghi non può permettersi di perderlo proprio ora.

Antoniomaria Pietoso

È SUCCESSO OGGI...