“Non è vero ma ci credo: come le fake news inquinano la democrazia”, in libreria dal 21 marzo

Un libro di Giuseppe Cricenti e Fernando Gallone, Armando editore. Appuntamento giovedì 21 marzo 2019, per la rassegna letteraria #6SenzaBarcode indetta dall’associazione SenzaBarcode.it

0
573

“Questo libro è un progetto molto ambizioso. Da giuristi volevamo contrastare il fenomeno delle fake news che a nostro avviso sta inquinando la democrazia”.

Così nasce il lavoro di Fernando Gallone e Giuseppe Cricenti, che con “Non è vero ma ci credo: come le fake news inquinano la democrazia” per Armando Editore – 15€, nelle librerie dal 21 marzo – hanno scritto a quattro mani analizzando e raccontando le loro esperienze.

Con la consulenza di David Puente – debunker ed esperto di fake News – e la prefazione di Stefano Folli, l’opera presenta anche idee e proposte su come contrastare il fenomeno delle fake news.

Scrive Folli “… Giuseppe Cricenti e Fernando Gallone – il primo magistrato di Cassazione, il secondo avvocato specializzato in diritto amministrativo – mettono il dito nella piaga: l’inquinamento progressivo del dibattito democratico. Ecco infatti il paradosso: la democrazia, nata per difendere il cittadino dalla tirannia, anzi per creare il cittadino moderno, corre il pericolo di estinguersi a causa di una degenerazione senza precedenti e forse non compresa fino in fondo”.

Populismo, bisogni del cittadino, fatti, opinioni e rimedi, saranno discussi giovedì 21 marzo dalle 16:30 presso il Partito Radicale, via di Torre Argentina 76, nell’ambito delle attività culturali dell’Associazione SenzaBarcode.it.

Oltre agli autori intervengono:

  • Onorevole Deborah Bergamini, giornalista, deputato di forza Italia;
  • Onorevole Emiliano Minnucci, già deputato del Partito Democratico, consigliere alla Regione Lazio, vicepresidente della terza commissione, Vigilanza sul pluralismo dell’informazione;
  • Alessio Falconio direttore di Radio radicale.

Per SenzaBarcode Modera Diego Sabatinelli.

 

È SUCCESSO OGGI...