Rai, nel trash di Miss Italia spunta Alice Sabatini

La 18enne del Lazio vince il concorso di bellezza in tv. E la Ventura fa rimpiangere Carlo Conti

0
1254

Il “concorso” nella nostra lingua ha ormai un’accezione negativa, evoca immediatamente 5000 poveretti all’Ergife, sgambetti, mazzette e figli di. Concorso di bellezza poi, figuriamoci. Ma questo è “il” concorso, l’istituzione, ma sì Miss Italia, quest’anno da Iesolo in onda su La7. Bisogna guardarlo.

I PROTAGONISTI – Comme entrèe, Vladimir Luxuria che dimenticate le vesti baraccone di regina di Mucca Assassina sembra ormai la prof di matematica zitella. “W le donne nate o diventate“, esordisce. Vabbè. In scena ospite d’onore, e ho detto tutto, er Viperetta, Massimo Ferrero – difficile capire se sia l’originale o un’imitazione – con la sua sciarpetta doriana, che chiede subito applausi e carinamente omaggia i “capisquadra” a cominciare da Claudio Amendola; si becca con la diva Bastianich; a Vladimir Luxuria, appellata per l’occasione Lux, “bella come sei nel giardin ti porterei”. Insomma, da subito un’edizione all’insegna dell’eleganza più sofisticata, non bastasse l’orrido abito rosso della Ventura, padrona di casa, un mix tra una rete per tirare su le cozze e una tovaglia etnica. Con Joe Bastianich e Claudio Amendola, Luxuria è a capo di un drappello ciascuno di 11 ragazze. Grande attenzione alle curvy, nel giorno che è il compleanno della madre di tutte le maggiorate, Sophia Loren. Poi le italiane con genitori stranieri, come se a qualcuno ancora importasse, a cominciare da Alham El Brinis protagonista quest’estate dell’opportuna pubblicità di musulmana a miss Italia, per una manifestazione che l’Ansa definisce “Open minded”. Si vede, soprattutto dal quadretto a mo’ di bordello settecentesco.

VINCITRICE – Lo scettro finisce a Miss Lazio, Alice Sabatini, diciottenne mora e statuaria adocchiata da subito per il favoloso derrière. Apprezzata subito dal mitico “press agent” della Dolce Vita Enrico Lucherini, uno che di bellezze femminili e di cinema può davvero dire la sua. Dimenticabili le affermazioni della nuova miss, veramente una ragazzina, le giungano i migliori auguri di una carriera rapida e di successo almeno come quella di Miriam Leone, in questi giorni su RaiTre nella fiction di qualità “Non uccidere”. L’arrivo di Morgan in tarda ora niente dà e niente toglie alla sagra del trash: vince Luxuria finalmente elegante a discapito di una padrona di casa che sembra la titolare di una balera romagnola. Se il pubblico di Miss Italia è essenzialmente femminile, l’unica nota apprezzabile è la presenza dei giovani modelli a interpretare i principi azzurri: insieme alle miss acconciate da spose ultra kitsch. Sdoganate donne recenti, bellezze non mediterranee, retorica trans e doppi sensi: Miss Italia secondo Ventura ci fa rimpiangere certe interminabili messe cantate su RaiUno e soprattutto lui, l’incomparabile Carlo Conti, il solo in grado di reggere qualsiasi diretta importante senza annoiare e soprattutto senza mai scadere nel cattivo gusto.

[form_mailup5q lista=”maledetta tv”]